Aceto balsamico

Logo Giuseppe GiustiAceto balsamico Giuseppe Giusti
Aceto balsamico



ACETO BALSAMICO GIUSEPPE GIUSTI

Aceto balsamico di Modena I.G.P del Gran Deposito dell’aceto balsamico di Giuseppe Giusti, acetaia dal 1605.

UN TESORO
Il Gran Deposito è la più vasta e antica collezione di botti plurisecolari esistenti al Mondo, risalenti al 1600, al 1700 e al 1800.

STORIA DI UNA BOTTE
La botte è l’elemento più prezioso. Non può esistere un grande aceto balsamico senza una grande batteria di botti. Vi sono botti di diverse dimensioni e realizzate con legni diversi.
E’ questo il grande patrimonio di una famiglia di acetieri. Più una botte è antica maggiore sarà la sua capacità di regalare proprietà straordinarie all’aceto.

QUALITA’ ECCELSA
Uva, sapienza e pazienza.
L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena è frutto delle particolari caratteristiche pedoclimatiche e della varietà delle uve tipicamente coltivate nel Modenese, unitamente all’arte della cottura dei mosti e delle amorevoli procedure dei travasi annuali fra le botticelle delle acetaie. Dopo la pigiatura dell’uva e ancor prima di iniziare la fermentazione, i mosti sono sottoposti a cottura in caldaie a cielo aperto, a pressione ambiente, fino a raggiungere una concentrazione dal 30 al 50 %, (a seconda di necessità nel regime dell’acetaia). Dopo un lungo periodo di decantazione, il mosto cotto inizia una naturale e contemporanea reazione di fermentazione e biossidazione acetica ad opera di lieviti e acetobatteri. Il prodotto subisce poi una fase di trasformazione detta maturazione
che è di fondamentale importanza per la formazione dei tipici profumi del Balsamico.
Segue poi la fase di invecchiamento durante la quale le caratteristiche del prodotto guadagnano
l’ottimale affinamento.


Le tre fasi si succedono in serie di botticelle di legni diversi (per lo più rovere, castagno, gelso, ciliegio e ginepro) e di volume decrescente e variabile da 75/100 litri a 10/litri circa. Ogni legno cede all’aceto una particolare caratteristica: il castagno ricco di tannini contribuirà al colore scuro, il gelso concentrerà il prodotto più velocemente, il ginepro cederà le essenze resinose, il ciliegio addolcirà il sapore mentre il rovere, legno prezioso per l’aceto già maturo, gli conferirà un tipico profumo vanigliato. La differenza fra la capacità delle botticelle è richiesta dalla necessità di compiere nel modo appropriato i travasi annuali. Questi consistono nel riportare a livello il liquido delle botticelle con quello della botticella rispettivamente precedente, per compensare il prelievo del prodotto finito e il calo annuale dovuto all’evaporazione. Queste operazioni richiedono competenza ed oculatezza nel rispetto dello stato evolutivo del prodotto, per assicurarne l’ottimale sviluppo “ nei secoli” a venire.

Clicca sulle immagini per ingrandirle

Là di Mirco espone l'aceto balsamico Giuseppe Giusti Degustazione prima dell'acquisto Cofanetto e confezioni regalo Giuseppe Giusti
Cantina di Giuseppe Giusti Fabrizio che resiste a tutto tranne che alla tentazione Altra cantina di Giuseppe Giusti

INFORMATIVA: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi